Chiudi
Usa il *codice FREESHIPPING e non paghi la spedizione
Shopping Cart
Chiudi

Nel carrello hai:

Il tuo carrello è vuoto


Vitigni Malvasia Bianca ( %)
Filosofia Biologici
Classificazione IGP

Colore: Giallo paglierino.
Olfatto: Al naso è intenso e ricco con note di frutti a polpa bianca, fiori bianchi, erbe aromatiche.

Gusto: Al palato è dinamico, snello e di giusta aromaticità, equilibrato e fresco chiude con note ammandorlate.
Abbinamenti gastronomici:
Antipasti a base di pesce cotto e crudo, fasolari, vongole e cozze nere, linguine ai ricci e trancio di pesce spada alle erbe aromatiche, gamberoni e tajeddha (riso, patate e cozze).
Ottimo anche con  formaggi freschi e carni bianche.

Terra che mani nere trasformano in arte cotta la sole dei due mari. Luci e riflessi d’oriente. Profumi e sapori urlati a ritmo incessante come note di cantori pizzicati.

Area di produzione: Cutrofiano.
Altimetria: 81 m slm.

Tipologia terreno: Sabbioso, limoso.
Sistema di allevamento: Guyot.
Resa per ettaro: 80 q/52 hl.

Resa uva in vino: 60%.
Vinificazione: Macerazione a freddo per circa 6/7 ore. 
Fermentazione alcolica: In acciaio inox a 14-15 °C.
Affinamento: In bottiglia.
Acidità totale: 5,8 g/l.

L'Astore

La tradizione viti-vinicola risale agli anni ’40, periodo in cui, conformandosi ai criteri dell’epoca, si produceva vino in cospicue quantità da vendersi “in cisterna”. Alla fine degli anni ’90 è stato avviato un progetto che mirava alla produzione di vini di qualità. Dopo una onerosa preparazione del terreno con accurate analisi delle caratteristiche geologiche, scavi, frangiture e macinature, sono stati impiantati circa ha 20 di vigneto delle cultivar: Negroamaro, Aglianico, Primitivo, Montepulciano, Malvasia Bianca, Susumaniello; nel corso degli anni è stata avviata una ricerca di varietà autoctone ormai estinte che ha portato a nuovi impianti sperimentali e a una vera e propria collezione ampelografica del Salento. Accanto al Frantoio Oleario ipogeo è stata realizzata una Bottaia, per affinamento dei vini, secondo la tradizione architettonica del Salento con volte a botte ed a stella usando materiali locali quali pietra leccese e carparo ottenendone, a dire di molti visitatori italiani e stranieri, una vera e propria “ cattedrale del vino”. Oggi Masseria L’Astore rivive in tutta la sua bellezza per accogliere ospiti con esigenze molto variegate. Questo edificio storico ristrutturato con grande attenzione e rispetto per le sue caratteristiche originali, dispone di un grande spazio all’aria aperta, perfetto per i ricevimenti in grande stile durante la bella stagione. Durante il resto dell’anno, invece, avrete a disposizione una meravigliosa sala settecentesca, dove anticamente era situato un frantoio, che regalerà al vostro evento una atmosfera suggestiva e accogliente in grado di fare da cornice ai vostri momenti speciali.

Ultimi inseriti