Chiudi
Usa il *codice FREESHIPPING e non paghi la spedizione
Shopping Cart
Chiudi

Nel carrello hai:

Il tuo carrello è vuoto


Vitigni Fiano ( %), Moscato ( %)
Classificazione IGT

Colore: Giallo paglierino tenue,
Olfatto: Ampio profumo floreale dolce con sentori di fiori d’arancio, pesca bianca, rosa, salvia e miele.
Gusto: Alla degustazione Heos ha un’ampia complessità aromatica con evidenti note di miele e melone bianco. Finale particolarmente secco e persistente, con una elegante mineralità.
Abbinamenti gastronomici: Antipasti, formaggi, pesce e crostacei.

Vinificazione e affinamento: La vendemmia avviene durante la notte per conservare la maggiore acidità possibile e per procedere con la fermentazione nelle ore più fresche del giorno, evitando sbalzi di temperatura; inoltre si ha l’ulteriore vantaggio di una riduzione dei consumi energetici.
Dopo una pigiatura ed una pressatura soffice, le uve fermentano a temperatura controllata (12°C), in serbatoi di acciaio.

Provenienza: Tuturano (Brindisi) per il Fiano, Salice Salentino per il Moscatello Selvatico, a 30 metri s.l.m. Vigne allevate a Guyot, 5000 piante per ettaro. La presenza di tale numero di piante per ettaro è una garanzia di qualità in quanto permette di tenere molto più scariche le piante e quindi con meno resa per ceppo. Per il Fiano, terreno sabbioso ricco di cloruri che conferisce sapidità e mineralità al vino; per il moscatello selvatico abbiamo il terreno argilloso e calcareo che circonda la cantina a Salice Salentino.

Castello Monaci

La cantina, con le sue forme e il suo rigore geometrico, dalla fine degli anni ‘70 custodisce il tesoro di Castello Monaci. Una barricaia di oltre 1000 barriques, scavata nella stessa bianca roccia tufacea di cui è composto lo strato più profondo del terreno dei vigneti che circondano il Castello. La cantina è dotata di moderni strumenti di vinificazione, tra i quali un sistema refrigerato di pigiatura con serbatoi in acciaio di piccola capacità, termocondizionati a doppia cella, per poter vinificare separatamente limitate quantità di uve, mettendo in risalto le peculiarità di ognuna. Dal 2000, l’enologo della cantina è Leonardo Sergio. Con la sua esperienza e sensibilità coglie e seleziona il meglio che il sole e il vento ci regalano, e lo interpreta nella sua forma più autentica.

Ultimi inseriti