Chiudi
Usa il *codice FREESHIPPING e non paghi la spedizione
Shopping Cart
Chiudi

Nel carrello hai:

Il tuo carrello è vuoto


Vitigni Carricante ( %)
Filosofia Biologici
Classificazione DOC

Colore: Giallo paglierino tenue.
Olfatto: Al naso è elegante e fresco con sentori minerali seguiti da note di frutta gialla, fiori bianchi ed erbe aromatiche fresche.
Gusto: Al palato presenta un buon equilibrio tra freschezza e sapidità, con finale persistente, fresco. Un vino bianco strutturato, ma allo stesso tempo di grande bevibilità.
Abbinamenti gastronomici: Ottimo per primi e secondi piatti a base di pesce e crostacei, frutti di mare e crudi, ideale anche per piatti a base di verdure o formaggi poco stagionati.

Un territorio, un vitigno: nerello Mascalese e l'Etna, binomio d'eccellenza che a Torre Mora si chiama Scalunera.
Il nome deriva dalle tipiche terrazze dove sono allevati i vigneti ad alberello, che ricordano infatti degli scaloni neri.

Torre Mora

La zona dell'Etna è un luogo eccezionale, specialmente per quanto riguarda la produzione del vino. Questo territorio si distingue per alcune caratteristiche uniche che, combinandosi tra loro, generano un complesso microclima: un suolo vulcanico dalla grande fertilità, situato ad un'altitudine di 650-700 m s.l.m., e un'elevata escursione termica fra la notte e il giorno. La filosofia di Torre Mora è un vitigno, una terra. La perfetta combinazione fra Nerello Mascalese ed Etna è per noi fonte di ispirazione, che con passione facciamo vini che raccontano, ad ogni sorso, la storia di un'uva che prospera sulle pendici di un vulcano attivo. I due vigneti di Torre Mora sono situati a Rovittello, nel comune di Castiglione di Sicilia e a Contrada Torre, nel comune di Linguaglossa. Il vitigno principale è il Nerello Mascalese, seguito dal Nerello Cappuccio. L'età delle vigne varia tra i 12 e 15 anni. A causa del terreno scosceso su cui si trovano i vigneti. I sistemi di allevamento sono il cordone speronato nelle piccole aree pianeggianti e l'alberello sulle terrazze. Il terreno, prettamente vulcanico e caratterizzato da un pH acido, è molto fertile. Nonostante la scarsa profondità (30-40 cm di profondità prima di raggiungere lo strato di basalto), il suolo è straordinariamente minerale e ricco di tracce e microelementi portati dalle eruzioni vulcaniche.

Ultimi inseriti