Chiudi
Usa il *codice FREESHIPPING e non paghi la spedizione
Shopping Cart
Chiudi

Nel carrello hai:

Il tuo carrello è vuoto


Vitigni Chardonnay (40 %), Pinot Grigio (30 %), Sauvignon Blanc (30 %)
Classificazione IGT

Colore: Giallo-arancio con riflessi ramati brillanti.
Olfatto: Al naso è intenso, ricco e complesso con note di frutta gialla e fichi, sentori eterei e di frutta secca.
Gusto: Vino bianco macerato originale, ricco di significati, che parla della terra da cui proviene. Da un blend di uve bianche, un vino capace di coniugare gli opposti: tensione e volume, freschezza e materia, eleganza e opulenza, mantenendo tutta la sua classe e il suo charme.
Abbinamenti gastronomici: Perfetto per secondi piatti a base di carni bianche in umido, carni arrosto, formaggi stagionati ed erborinati, primi piatti con sughi di carne.

Suolo: Ponka, tipo di argille che negli stati più profondi ha la compattezza di una roccia, ma che si sfalda non appena va a contatto con qualche agente di corrosione (aria, acqua..).
Estensione del vigneto: 1,2 ha.
Tipo d’impianto: Guyot singolo e doppio.
Densità ceppi per ha: 8.000.
Età media del vigneto: 30 anni.
Produzione media per ha: 35 hl.
Vinificazione e affinamento: Diraspapigiatura, fermentazione spontanea e macerazione per 3/4 mesi in tini troncoconici di rovere con 3/4 follature manuali fino a fine fermentazione. Svinatura e affinamento in botti di rovere dai 25 ai 35 hl per 40 mesi con alcuni travasi se necessari.
Bottiglie prodotte: 6.000.

Radikon

La famiglia Radikon vive a Oslavia, da sempre nella stessa casa. Dopo il reimpianto dei vigneti e la ricostruzione degli edifici distrutti durante la Prima Guerra Mondiale, Edoardo Radikon ricostituisce l’azienda nel 1948, dedicandosi oltre che all’agricoltura anche all’allevamento. Nei primi anni Ottanta viene tramandata al figlio, Stanko che si concentra sul vino, inziando ache ad imbottigliare per la vendita. Dal 2016 l’azienda è portata avanti da Saša, Suzana, Ivana, Savina e Luisa. I terreni vengono lavorati, oggi come ieri, nel pieno rispetto e amore per la natura: l'erba sfalciata, i sarmenti e le vinacce sono gli unici concimi per questo terreno minerale, la ponka, roccioso in profondità e sfaldabile in superficie, e i trattamenti, solo a base di rame, zolfo e propoli, sono ridotti allo stretto necessario. La vendemmia, manuale in cassette, avviene solo quando le foglie ingialliscono e i semi all'interno degli acini sono maturi. L’uva diraspata fermenta spontaneamente a contatto con le bucce e dopo un variabile periodo di macerazione, si passa all’invecchiamento in botti grandi e poi all’affinamento in bottiglia. Il tutto avviene perseguendo un’idea completa di rispetto per la natura e per le persone, che possono berlo dopo circa 6 anni dalla raccolta. Ogni vino racconta la storia della famiglia Radikon, del loro territorio, dell’annata passata e dell’evoluzione dell’azienda, tesa sempre alla ricerca del costante miglioramento.

Ultimi inseriti